Languages

Storia

60 milioni di anni fa Formazione della collina a forma d`isola di strati di arenaria colorata e feldspato, con argilla interstiziale
Protostoria Luogo consacrato al culto germanico
Medioevo 3 cave di arenaria sono utilizzate per produrre materiale da costruzione
Economia forestale
Viticoltura sul pendio meridionale Una via commerciale importante conduce sopra la montagna a Gotha.
1893/1897 Scoperta e estrazione di sabbia caolinizzata, contenente del feldspato, da parte della ditta Kahlaer Porzellanfabrik AG e del proprietario di mulino Meltzer, Grosseutersdorf

Nelle parti sudest e sudovest della collina sorgono due miniere sotterranee indipendenti.
I due sistemi di rete in direzione nord-sud consistono di gallerie, di 70 a 220 di lunghezza, circa 3,5 m di larghezza e 4 m di altezza, che si trovano ad un livello.

1943 I bombardamenti a tappeto strategici ripetuti da parte della RAF britannica e l`USAAF statunitense, delle città e delle installazioni dell`industria militare obbligano il Ministero dell`economia del Reich ad agire.
1944 Ordine del Führer di trasferire la produzione d`importanza strategica a installazioni sotterranee

La regione della Turingia, non colpita direttamente dalla guerra fino a aprile 1945, ottiene una grande importanza strategica a causa della sua posizione geografica vantaggiosa, della sua densa rete di infrastrutture, nonché delle miniere e dei sistemi di gallerie già esistenti.

Tra le 41 installazioni rilevate, la collina Walpersberg offre le migliori condizioni per un centro di produzione sotterraneo.

Espropriazione della cava di sabbia Meltzer da parte del Ministero degli armamenti e della produzione bellica del Reich. La cava di sabbia di Kahla comprende in questo momento una superficie di estrazione totale di 10.000 m².

Su iniziativa di Fritz Sauckel, segretario federale (Gauleiter) della Turingia, e di Hermann Göring, maresciallo del Reich dell`aviazione militare, avviene la costituzione della ditta "REIMAHG".

È parte integrante della fondazione industriale nazista "Gustloff-Werke", Weimar.
Scopo pianificato: Produzione in serie del caccia a reazione Me 262

11 aprile - Inizio delle opere nelle vicinanze e all`interno della collina Walpersberg. Partecipano più di 100 imprese.

Allo stesso tempo si comincia la costruzione di 10 campi di lavoro principali e 18 campi succursali, nei quali sono alloggiati fino al termine della guerra 15.000 persone provenienti da tutta l`Europa.

Fritz Sauckel, incaricato generale della forza lavorativa, profitta della sua funzione per procurare il potenziale di mano d`opera necessario.

Sono reclutati forzati, prigionieri di guerra e lavoratori civili da tredici paesi, a cui si aggiungono tedeschi obbligati per forza, nonché ragazzi e ragazze adolescenti della gioventù hitleriana (HJ) e dell`associazione delle ragazze tedesche (BDM).

In aprile, all`inizio dei lavori di costruzione, arrivano i primi forzati, 400 italiani. Fino a novembre il numero cresce fino a 12.000 persone.

Alla fine della guerra nessuno dei campi è ultimato.

1945 Gennaio - In questa data sono terminate le opere seguenti:

La clinica aziendale nel Palazzo di Hummelshain, con 4 baracche ospedaliere grandi nel parco del palazzo.

Stazione di scarico con binario di raccordo a Orlamünde.

40 gallerie, di 400 m di lunghezza ciascuna, per officine
75 gallerie, lunghezza complessiva: 15 km
7 ingressi principali grandi
2 sale di montaggio, 100 m x 30 m
4 bunker di cemento armato grandi, 100 m x 20 m
5 sale di legno, 100 m x 20 m,

nonché una pista di decollo, 1.100 m x 33 m, nel dorso della montagna e un montacarichi per aerei.

AAgosto 1944 fino a aprile 1945 - Ricognizione aerea degli Alleati a cura delle unità "Allied Central Interpretation Unit" (ACIU) e "Office of Strategic Services" (OSS).

Lo stabilimento e la sua funzione sono scoperti da Constance Babington-Smith, a Medmenham/Inghilterra, centro di interpretazione di aerofotogrammi degli Alleati.

Febbraio - Il primo impianto sotterraneo di Germania, con montaggio completo e pista di decollo, inizia il 21. 02. 1945 la sua produzione, con il decollo del caccia a reazione Me 262. La quantità di aeri finiti è di 20 a 26 unità.

Si produce in una parte dell`impianto sotterraneo, il "posto 0"; in tutte le altre i lavori di costruzione non sono ancora ultimati.

Aprile - La divisione di fanteria statunitense N. 89, facente parte della terza armata comandata dal Generale Patton, occupa la Turingia, e così anche la ditta "REIMAHG".

Registrazione, cura e rimpatrio dei forzati.

Ispezione tecnico-materiale dell`installazione da parte di unità specializzate degli Alleati, chiamate "Combined Intelligence Objectives Subcommittees" (CIOS) e "United States Strategic Air Forces (USSTAF).

Aprile - Il 16° Battaglione di Fucilieri belga sorveglia lo stabilimento ed i suoi accampamenti.

Luglio - L`armata sovietica s`incarica della Turingia e di tutti gli stabilimenti di produzione di armi.

1946-1952 Confiscati e trasportati all`Est tutti i beni di armamento, le macchine edili, le attrezzature delle miniere e i mezzi di trasporto, tutte le installazioni esterne, le entrate principali, la pista di decollo e parti del sistema di gallerie sono demolite con carica esplosiva.
1953-1974 Utilizzo di alcune gallerie quale magazzino di patate e archivio di campioni di roccia (carote) dell`industria mineraria della RDT.
1965 - Costruzione ed inaugurazione di una lapide commemorativa sul terreno dell`ex ditta "REIMAHG". Sono realizzati annualmente commemorazioni per le vittime e i sopravvissuti di quest`impresa.

1974 - Demolizione della vecchia lapide commemorativa ed inaugurazione di un monumento commemorativo nel valle "Leubengrund" nei pressi di Kahla.

1975-1990 Finitura interna e messa in funzionamento di una parte dell`installazione sotterranea da parte delle forze armate popolari nazionali (NVA) della Repubblica Democratica Tedesca.
1990-1997 Nel corso della riunificazione tedesca le forze armate (Bundeswehr) sono incaricate dello stabilimento, fino alla sua chiusura e alla sua assunzione come vecchia installazione militare da parte dell`ufficio del patrimonio federale (Bundesvermögensamt) di Erfurt.
2003 Decorsi 29 anni, ha nuovamente luogo, nelle immediate vicinanze della collina Walpersberg una commemorazione. Molti ex forzati tornano, per la prima volta, a mettere il piede nel luogo della loro sofferenza.
2004 Si svolge la seconda commemorazione, con una partecipazione internazionale in gran numero.

Sono fissate targhe commemorative e, questo giorno, il terreno e l`installazione sono aperti anche per il pubblico.

Ci sono ulteriori commemorazioni nei comuni confinanti, dove si trovano lapidi commemorative relative agli ex accampamenti.

Grande ritrovo serale comune al ristorante "Rosengarten" a Kahla.

Si prevede di continuare le nostre attività nella forma di una fondazione, di cui saranno scritti gli statuti in cooperazione con le autorità, i ministeri e l`Università di Jena.

2005 Il culmine di quest`anno: Commemorazione in occasione del Sessantesimo anniversario della Liberazione.

Per la prima volta si organizza un campo giovanile internazionale, con progetti relativi al lavoro forzato.

Sono venuti ambasciatori, consoli e un gran numero di ospiti internazionali, da Italia, Belgio, Polonia, Bielorussia, Germania, Cile, Stati Uniti d`America e Inghilterra.

Scoprimento di nuove targhe commemorative.

Commemorazione serale nei pressi e all`interno del Palazzo di Hummelshain, l`ex ospedale aziendale della "REIMAHG".

Festa di chiusura serale comune con tutti gli ospiti a Kahla.

Proseguono i contributi in vista della costituzione della fondazione "Mahn- und Gedenkstätte Walpersberg" (Luogo di monito e di memoria Walpersberg).

È stato iniziato il lavoro per compilare un libro di informazione completa relativo alla storia della "REIMAHG".